martedì 18 luglio 2017

ITALIANI !...CHE POPOLO...

In questi giorni stiamo assistendo ad un fenomeno che cambierà di parecchio la struttura del popolo italiano, e nonostante le varie trasmissioni televisive ,e i media in genere , restiamo impassibili e rassegnati e l'unica cosa che sappiamo fare è lamentarci sui social network, pubblicare qualche foto o video, fare dei commenti scontati.
Una volta eravamo un popolo di conquistatori, navigatori, il nostro ingegno era invidiato da tutto il mondo, e adesso? siamo diventati un popolo di frignoni, lamentosi, senza spina dorsale e grazie ai nostri governanti, derisi e senza credibilità. Ma veramente non riuscite a veder quello che si prospetta in futuro? Ci stanno smembrando a livello economico e con il benestare di chi ci governa: Il calcio ai Cinesi, Le compagnie aeree agli Arabi, l'industria manifatturiera portata via dall'Italia..l'unica cosa che ci rimane è il turismo..ma quello rimane un oggetto misterioso per i nostri governanti. L'unica cosa che sanno fare è aumentare le tasse, fingere di farti qualche regalino, per poi aumentarle di nuovo...tanto sanno bene che nessuno si ribella, sanno bene che non si va oltre il lamento, e poi essendo un popolo di vecchi, e in qualche modo ancora con le pensioni, sanno come riprenderla. Anche perchè ,infinocchiati per bene dal dopoguerra ad oggi da una sinistra che si proclamava difensore dei lavoratori e intanto con assistenzialismo e posti facili ,si assicurava l'appoggio del popolo...Adesso che il lavoro manca il popolo comincia a non crederci ,cosa si inventa pur di rimanere sulla tanto amata poltrona a discapito di un intero popolo? Lo  IUS SOLI .
Come è accaduto quando siamo entrati nell'euro,che ci hanno svenduto economicamente pensando solo al beneficio nell'immediato e non vedendo in previsione cosa sarebbe successo, lo vogliono ripetere non più a livello economico ma a discapito di un intero popolo.
Ma ci pensate a cosa potrà succedere in un futuro neanche troppo lontano?
Per prima cosa ci saranno i benefici per la loro poltrona e portafogli, ma poi? potranno nascere altri partiti ma con mentalità,religione ed educazione diverse dalle nostre e visto il loro crescente numero e il loro proliferare, in pochi anni saremo diventati una piccola minoranza a servizio di persone che non ci hanno mai rispettato. Perchè ,chi rispetta si adegua al paese ospitante.
Quindi italiani volete veramente questo? volete essere governati da popoli senza nessuna appartenenza ideologica e e senza rispetto per gli altri che non siano della stessa razza?
Questo sta per succedere, mentre facciamo i nostri commenti pubblichiamo le nostre foto, mugugnamo, ma continuiamo a pagare e a bisticciare per una partita di calcio, ma la cosa più oscena è continuare imperterriti a credere ancora alle tante immorali parole che ci dicono.
Ma questo vale anche per le altre forze politiche, cosa stanno facendo ? NIENTE solo parole, critiche, anche feroci, ma vere proposte? NIENTE
Il vero cambiamento lo potrà fare solo un popolo veramente unito senza colore politico ma coi colori di quella bandiera che una volta, quando sventolava, procurava emozioni e rispetto al mondo intero.
Concludo  con una domanda e vorrei fare un piccolo sondaggio, sperando in qualche vostro commento: Cosa vorreste realmente, per la vostra patria? e per il suo futuro?

lunedì 26 giugno 2017

ELEZIONI COMUNALI 2017 ALESSANDRIA " IL CAMBIAMENTO " PARTE SECONDA

come promesso con la fine delle elezioni mi accingo a scrivere la seconda parte dell'articolo.
Comincio col dire che quello che è successo lo avevo pronosticato e  lo avevo confidato a qualche amico che mi ha ascoltato incredulo. Comunque risultati a parte cominciamo ad analizzare le due fazioni che si sono scontrate fino all'ultimo voto.
Partiamo dal sindaco uscente, In tutta la campagna elettorale non ha fatto altro che parlare del dissesto e di come è riuscita a risollevare il bilancio comunale e comunque in ogni caso mettendoci la "faccia", e altro cavallo di battaglia il ponte "Meier" e piazza "S.Maria di Castello" e nonostante "la piazza" di cui ho scritto un articolo precedente, il ponte "Meier"  è il simbolo dell'incompetenza sia progettuale, che di come si sperpera il denaro pubblico ,per finire al così decantato dissesto di cui alla luce di tutti gli avvenimenti si capisce che è stato magnificamente architettato dal partito di appartenenza,che in ogni caso ne sarebbe uscito indenne perchè ha agito con la faccia di "qualc'altra ", ma sempre il partito ha messo la ciliegina sulla torta,l'apparentamento con la Trifoglio a sua volta gestita da altri.
Ma come si pretende di vincere o perdere dignitosamente alleandosi con chi, poco tempo prima non ha risparmiato parole di velato disprezzo.
Bisognava correre da soli e se si perdeva pazienza ma in quel caso la "faccia" era salva.
Ci sarebbero da dire tante altre cose,ma ormai i giochi sono fatti.
Mentre per l'altra fazione che ha vinto il ballottaggio si spera che facciano qualcosa di serio,ma già vi dico che ho i miei dubbi,Quando delle persone vengono accusate e portati davanti un giudice per "Appropriazione indebita di denaro pubblico" il solo senso di non vergogna vi fa capire con che persone si avrà a che fare,si spera solo che imparino dai propri errori.
E per il popolo Alessandrino?  "no comment" visto come hanno affrontato questa campagna elettorale.
Concludo dicendo che ormai non esiste la sinistra, ormai diventato un movimento di servilismo politico attaccato ai soldi a alle false illusioni e cosa più deludente è vedere come riescono a manipolare le persone pur di riuscire a fare risultato, salvando le banche coi soldi delle tasse che onesti cittadini versano e cercando di accattivarsi le simpatie di altri popoli,mettendo sotto i piedi il suo, con promesse di cittadinanze facili, mentre la destra ,si accaparra le simpatie del popolo criticando la sinistra, ma senza avere una vera alternativa.
Concludo dicendo, che forse mi sono dilungato troppo, ma come fare a stare zitti quando ti rendi conto che c'è qualcuno che pensa di fare quello che vuole con un popolo?
Ormai non esistono più ideologie valide ma forse solo una è veramente valida.
Bisogna diventare una vera nazione, un vero popolo, unito, perchè prima di tutto siamo ITALIANI.

lunedì 12 giugno 2017

ELEZIONI COMUNALI 2017 ALESSANDRIA "IL CAMBIAMENTO" PARTE PRIMA

Elezioni concluse, la popolazione ha votato, ha deciso la strada da seguire per il cambiamento,anzi la decisione è stata a metà..infatti si assisterà al ballottaggio tra il sindaco uscente Rossa del centro sinistra e Cuttica del centrodestra e l' osannato M5S?  sciolto come neve al sole...forse è arrivato il momento che il movimento cambi pelle e lider maximo.
Mentre per quel che mi riguarda,visto che ho preso parte attiva a queste elezioni, devo ringraziare chi mi ha dato la possibilità di poter dire qualche parola per riuscire a scuotere un po le coscienze, e nonostante gli esiti, sono contento del risultato, per essere stato candidato all'ultimo minuto quando già perfino i manifesti erano già stati fatti,e visto gli impegni ,ho fatto pochissime uscite in pubblico e visto la mia mancanza di conoscenze (ho lavorato sempre fuori Alessandria), quei pochi voti sono voti veri, di fiducia e stima reciproca.
Un grande ringraziamento va a quelle persone, a quegli alessandrini che" NON" mi hanno votato e non lo dico con sarcasmo, visto la mia poca conoscenza del popolo alessandrino, in questa occasione mi hanno mostrato la loro vera natura e adesso capisco perchè questo comune non ha mai avuto un vero sviluppo sia colturale che lavorativo, nonostante la sua ubicazione e nonostante eccellenze nate in questo comune "Borsalino ecc."questa città non ha mai decollato anzi è addirittura negli ultimi posti nella classifica delle città italiane.
Ancora ancorato al servilismo partitico,alla critica inconcludente, alla diffidenza verso il nuovo e la convinzione di essere migliori degli altri nonostante l'evidenza sia di altro tipo.
Con queste premesse non posso che ringraziare Alessandria e gli alessandrini,almeno saprò rispondere a tono ai futuri mugugni e alle future lamentele,
Ma nonostante tutto un cambiamento ci potrà essere, ma dipenderà dall'esito del ballottaggio, e sul risultato che verrà ci sarà la seconda e conclusiva parte di questo articolo.

domenica 28 maggio 2017

DISSERVIZIO O INCOMPETENZA

Avete presente la ricevuta di mancata consegna di raccomanda che il postino lascia nella vostra cassetta delle lettere? Niente di più normale,il giorno dopo la si va a ritirare all'ufficio postale. Ma purtroppo non sempre è così ci sono dei casi in cui oltre a modificare l'assetto generale delle poste incluso la loro logistica ,qualche manager molto fantasioso ma senza alcuna cognizione (purtroppo in Italia ne abbiamo tanti ben pagati e incompetenti),decide di stravolgere l'intera logistica di una piccola frazione di Alessandria. "LOBBI".
Lobbi da sempre dotato di ufficio postale con tutte le funzionalità,improvvisamente non effettua più il servizio di ritiro delle raccomandate e il tutto viene dirottato su un altra località di Alessandria S.Giuliano Vecchio,il che si potrebbe pensare che in definitiva non è cambiato tanto.
Invece è cambiato tantissimo.. chi conosce bene la zona,sa dove è dislocata S.Giuliano vecchio, rispetto a Lobbi., e sa come è composta la popolazione che ci vive.
In sostanza un sobborgo di anziani o di persone che escono di mattina per lavoro e rientrano la sera e con figli che vanno a scuola.
Quindi al ricevimento di una ricevuta di mancata consegna da Lobbi si deve andare a S:Giuliano vecchio entro gli orari delle poste ritirare la fatidica raccomandata, e qui nasce l'inghippo come fa una persona anziana per di più senza una macchina ad arrivarci visto che i ragazzi sono a scuola e i genitori a lavorare? quindi o si perde una giornata di lavoro o si delega qualcuno (molto seccante) al ritiro, anche perchè non c'è nessun mezzo pubblico che da Lobbi porta a S.Giuliano Vecchio,
Però si da il caso che a Castelceriolo (altro sobborgo) c'è un ufficio postale e sempre per caso è a pochissimi km da Lobbi con un po' di prudenza ci si può arrivare in bici e qualche sporadico collegamento con i mezzi pubblici esiste...
A questo punto mi chiedo come mai lo scienziato che ha stabilito la logistica delle raccomandate non a tenuto conto di tutto questo? e ancora mi viene da chiedere quando ci sono degli spostamenti del genere in un comune, il comune non viene messo a conoscenza? e un comune non può fare qualcosa per aiutare i propri cittadini?

domenica 21 maggio 2017

IL PUBBLICO NON SERVIZIO


Se vi state chiedendo cosa rappresentano queste due foto...ebbene guardatele attentamente e se riuscite ingranditele.
Si tratta dello stesso servizio pubblico effettuato in due città diverse la prima in alto scattata a Milano e la seconda in Alessandria, le immagini parlano da sole, ma per essere più precisi nella prima ci sono le bici e a dire il vero anche poche, ma vista l'ora in cui è stata scattata la foto si deduce che le altre erano in giro per la città e che in serata sarebbero ritornate al proprio posto.
Nella seconda da come si vede non ce nè una, e non perchè sono in giro per la città,ma perchè le bici non ci sono più,il comune non effettua più il servizio e da come si vede le bici sono ammassate e legate alle sbarre che dovevano proteggere quelle pubbliche.
A questo punto viene spontanea una domanda :
Come mai a Milano il servizio funziona,e in Alessandria,terra di bici e ciclisti no?
Semplice, perchè in questi anni si è pensato solo a fare multe agli automobilisti e non si è pensato ad educare anche ricorrendo a divieti e sanzioni ad usare dei servizi pubblici, non inquinanti e anche salutari, a controllare cercando di far capire l'utilità del servizio,invece di ricorrere,alla prima ondata di vandalismo e di non rispetto della propietà altrui, a ritirare totalmente le bici.
Però poi come qualcuno dice ,vogliamo chiudere al traffico il centro, e tanti bla,bla,bla che si dicono solo un campagna elettorale e poi alla fine resta tutto come prima.
 Ma prima di delimitare una parte della città si deve pensare ad educare il cittadino ad usare e rispettare i servizi pubblici e ovviamente,cosa fondamentale il comune deve fare in modo che il cittadino abbia a disposizion i mezzi con cui spostarsi e con una certa frequenza, altrimenti si ricorrerà sempre all'uso del mezzo privato,il che significa,  traffico , inquinamento, ecc.
L'ultima foto che ho scattato sul treno vi farà capire a che livello di educazione del cittadino si è arrivati..e non siamo in un altra nazione ma a pochi chilometri di distanza.

Spero che la foto sia abbastanza chiara, in conclusione CAMBIARE SI PUO' ,ma la prima cosa da cambiare è l'atteggiamento delle persone quando si va alle elezioni, o meglio, la scelta non deve avvenire per simpatia , o alla scampagnata fatta insieme, ma alla preparazione e alla competenza,anche se questo significa di non votare l'amico o il parente o altro.
Altrimenti si rischia l'emarginazione sociale ed economica cosa che è già in atto in questo comune.

lunedì 15 maggio 2017

CAMBIARE SI PUO'

Cambiare si può...e adesso è il momento...
Fino a questo punto ho illustrato e cercato di fare una piccola foto della situazione di una città, e da come nel corso degli anni è stata gestita..e non mi riferisco agli ultimi anni ma da molto più lontano.
Nei precedenti articoli non solo ho evidenziato la cattiva gestione politica..e non parlo solo dei primi Cittadini (Sindaci) che si sono alternati a capo di questa città, ma del contesto complessivo,consiglieri assessori ecc. che hanno contribuito  allo sfacelo , che si sono alternati ,ma alla fine sono sempre gli stessi a occupare le stesse sedie a prescindere dal sindaco che viene eletto.
Alla luce di tutto questo e per cercare di cambiare il corso di questa lenta agonia, aiutato da persone che conosco e che hanno visto in me una persona  preparata e decisa a cercare di modificare o quantomeno cercare di far capire alla gente che la politica non è tutta una schifezza e che votare è un nostro diritto, ma che,  a livello comunale non bisogna guardare il simbolo ma la persona...e magari se si è stanchi di vedere sempre le stesse facce,di CAMBIARE, perchè cambiare è possibile ma solo se si tolgono i pregiudizi legati al simbolo o ciò che rappresenta, e di votare la persona,anche nuova, tperchè anche se sbaglia , alla fine la si può non votare più..ma se fa bene si è trovata una persona che può solo fare del bene a questa città....
Quindi avuto l'opportunità di candidarmi ho deciso di scendere in campo, e per dire, le cose che ho scritto e penso, non solo da dietro un pc,ma dirle alla gente in prima persona,con serenità cercando di far capire che cambiare è possibile e il modo di cambiare c'è...
Per cui entrando in una lista civica fatta da persone competenti sia a livello politico ma anche tecnico
e alleandoci per una visibilità maggiore ai Moderati che ci hanno gentilmente accolti,condividendo anche punti del programma, cercheremo insieme agli altri consiglieri di cambiare o quantomeno lottare per cambiare le sorti di questa città.


mercoledì 10 maggio 2017

NON SOLO POLITICA:::MA MENTALITA' E BUONSENSO



Sembrano due foto insignificanti..eppure in queste due foto è racchiuso il titolo dell'articolo.
Infatti se guardate attentamente si tratta della costruzione di una nuova stazione di rifornimento, e in questo la politica non gioca un ruolo fondamentale, ma la mentalità e il buon senso di chi ha approvato il progetto e avallato la sua costruzione è di primaria importanza e a quanto pare è inesistente. Forse dalla foto non si vede bene, ma dalla fine del paracarro di protezione all'inizio dell'altro passaggio, ci sono ad occhio una decina di metri e nascosto dall'erba c'è un bel fosso di scolo per le acque meteoriche.
A questo punto mi sono chiesto:
Ma cosa ci voleva in fase di approvazione e facendo qualche sconto sugli oneri fare intubare quei rimanenti 10 metri e far si di eliminare un pericolo per gli automobilisti ? o magari fare allungare il guard-rail fino all'altro ingresso? nell'inverno scorso già qualche macchina è finita nel fosso e adesso che si presenta l'occasione di mettere in sicurezza una parte di quel fosso oltretutto a costo zero cosa si fa ?...Assolutamente niente.. a dimostrazione che le cose si fanno tanto per fare e non si pensa al domani..e a tutto quello che quel piccolo fosso può comportare.
Dimenticavo che tutto questo è all'uscita del casello autostradale....un bel biglietto da visita per qualche occhio esperto e di mentalità più aperta che arriva a visitare questa città...